EnfeaNews

 Il portale informativo della Piccola e Media Impresa

Detrazione abbonamento mezzi pubblici: come usufruirne

Categoria: Welfare
Mar 8, 2022
Redazione
Detrazione abbonamento mezzi pubblici_come usufruirne

Il costo del trasporto pubblico sostenuto da cittadini, lavoratori e studenti pesa non poco sul bilancio mensile di una persona o famiglia, soprattutto quando nello stesso nucleo sono presenti più soggetti che usufruiscono di questi servizi. 

Per questo motivo, è prevista una detrazione dell’abbonamento ai mezzi pubblici, al quale si affianca, per i lavoratori impiegati presso imprese che applicano determinati contratti collettivi nazionali (CCNL UNIGEC/UNIMATICA, UNIONCHIMICA, UNITAL, CONFAPI ANIEM, UNIONTESSILE e UNIONALIMENTARI), il contributo spese erogato dall’ente bilaterale Enfea

Per approfondire, clicca qui

Vediamo insieme in cosa consiste la detrazione delle spese per l’abbonamento ai mezzi pubblici, chi può richiederlo, a quanto ammonta e come funziona il contributo Enfea

Detrazione abbonamento mezzi pubblici: come funziona

La normativa vigente nel nostro Paese prevede la possibilità di usufruire della detrazione ai fini Irpef del 19% dei costi sostenuti per l’acquisto degli abbonamenti al servizio di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. 

Cosa vuol dire? Chi sottoscrive un abbonamento ai mezzi pubblici, locali, regionali o interregionali, può portare la spesa sostenuta in detrazione con la dichiarazione dei redditi annuale, a determinate condizioni. 

Quali sono queste condizioni

  • sono riconosciute solo le spese sostenute per gli abbonamenti, annuali, mensili o temporanei, purché nominativi. Per abbonamento si intende un titolo di viaggio nominativo che consente a chi ne è in possesso un numero di viaggi illimitato per più giorni, in un periodo di tempo specificato;
  • non sono riconosciute le spese sostenute per biglietti giornalieri e/o orari, non nominativi;
  • non sono riconosciute le spese sostenute per le carte di trasporto integrate, ovvero quegli abbonamenti che includono anche servizi ulteriori rispetto a quelli di trasporto, ad esempio le carte turistiche che consentono anche l’ingresso a musei o spettacoli;
  • con mezzi pubblici si intende qualsiasi servizio di trasporto locale, regionale o nazionale, erogato da aziende pubbliche o private affidatarie del servizio pubblico con regolare concessione. Quindi, la detrazione vale per metropolitana, autobus, treni, tram, e così via. 

Quindi, è possibile usufruire della detrazione fiscale per le spese sostenute per il pagamento dell’abbonamento ai mezzi pubblici solo se si rispettano le su elencate condizioni

Ogni contribuente può godere di questa agevolazione, compilando il modello 730/2022 e indicando nel quadro E il codice 40 “Spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto”. 

A quanto ammonta la detrazione

Purtroppo, non si può portare in detrazione l’intero importo delle spese sostenute, per sé o per i familiari a carico, in quanto l’erario ha fissato un limite massimo, sul quale calcolare poi l’aliquota del 19%

Il limite è fissato a € 250,00

Quindi, anche se per l’abbonamento dei mezzi il contribuente spende più di € 250,00 all’anno, non potrà indicare in dichiarazione l’intero importo speso ma “fermarsi” a questa cifra. 

Quindi, nella migliore delle ipotesi la detrazione si traduce, nei fatti, nel 19% di € 250,00, ovvero € 47,50

Inoltre, il limite massimo fissato dall’erario si riferisce al singolo contribuente, quindi se lo stesso paga l’abbonamento per sé e per il figlio, in dichiarazione dovrà tenere in considerazione comunque la cifra di € 250,00. 

Cosa vuol dire? Che se, ad esempio, il contribuente spende per il proprio abbonamento € 200,00 all’anno e per quello del familiare a carico € 150,00, in dichiarazione deve indicare massimo € 250,00 e non € 350,00. 

Enfea e il contributo spese abbonamento trasporto pubblico 

L’ente bilaterale Enfea prevede l’erogazione di un “Contributo spese abbonamento annuo trasporto pubblico locale, regionale, interregionale, intestato al lavoratore”.

La misura del contributo è pari al 25% del costo dell’abbonamento annuo del lavoratore per trasporto pubblico (autobus e/o ferroviario) in corso di validità, con il limite massimo di € 150,00 anno, a condizione che l’abbonamento annuo non sia stato oggetto di welfare aziendale.

La documentazione da produrre è la seguente: 

  • copia abbonamento annuo mezzi di trasporto pubblico in corso di validità, intestato al lavoratore;
  • copia ricevuta pagamento abbonamento annuo mezzi di trasporto pubblico.

Il termine ultimo di presentazione della richiesta è fissato entro il periodo di validità dell’abbonamento.

Per tutti i dettagli, invitiamo a consultare il sito www.enfea.it.

ENFEA è l’ente bilaterale costituito da CONFAPI e CGIL, CISL e UIL a cui aderiscono le imprese che applicano i CCNL UNIGEC/UNIMATICA, UNIONCHIMICA, UNITAL, CONFAPI ANIEM, UNIONTESSILE e UNIONALIMENTARI.

Scopri le prestazioni che Enfea ha pensato per le imprese e per i lavoratori della PMI!